mercoledì 18 settembre 2013

Kizumonogatari [novel ita] - 005







Current Mood: somewhat happy
Listening to:  Fireside - Arctic Monkeys



Heeeey! Eccomi.
Ho tardato così tanto perché...beh, è uscito Kingdom Hearts 1.5 ReMIX e l'ho comprato subito. E, capitemi, non potevo lasciarlo lì, chiuso nella sua confezione, no? No, appunto. Quindi mi sono data alla pazza gioia con Sora, ecco.
Però ho anche tradotto questo capitolo (urlo tantissimo perché Araragi-- SPOILER). Leggete, leggete.
Ah, un piccolo appunto. Vi consiglio di leggere bene anche le note. Saranno piuttosto lunghe perché ho dovuto spiegare parecchie cose e in particolare un termine utilizzato da NisiO intraducibile in italiano (e in inglese). Ho fatto le mie belle ricerche e sono finita in un trip infinito ieri sera. Della serie che sono rimasta sconvolta, wow, grazie NisiO.
Alla prossima!




004

Kizumonogatari - 005

Dramaturgie.
Episode.
Guillotinecutter.
Questi sono i nomi delle persone che hanno preso parti del corpo di Kiss-shot—o una cosa del genere.
O almeno, Kiss-shot ha sentito parlare di queste tre persone da qualche parte—sebbene sia così, è comunque difficile capire la situazione con solo queste informazioni.
Come se avesse usato una lingua di un altro paese per spiegarmelo, mi sentii confuso sentendo quei tre nomi, ma, in confronto alle informazioni più importanti, erano fin troppo semplici.
L’uomo chiamato Dramaturgie le aveva rubato  la gamba destra.
L’uomo chiamato Episode le aveva rubato la gamba sinistra.
L’uomo chiamato Guillotinecutter le aveva rubato le braccia.
Quelle tre persone avevano rubato ognuna una parte.
Ecco perché si era trovata in una situazione di quasi-morte—in una situazione del genere, se non avesse bevuto il mio sangue, sarebbe certamente morta.
Anche se aveva un corpo immortale.
Ma comunque, sarebbe morta.
Ormai, arrivati a questo punto, lei è la prima a rendersene conto.
A quel tempo—aveva anche già accettato l’idea di morire.
Ma avendo ancora un briciolo di energia, usando quel corpo martoriato, era scappata da quelle tre persone—una fuga per niente facile.
“Perché—”
Chiesi, inavvertitamente, durante la sua spiegazione.
“Perché rubarti gli arti?”
“Sono un vampiro. Voi siete umani—mmh, tu non lo sei più. Comunque io sono ciò che gli umani chiamano mostro.”
Kiss-shot usò un tono deciso.
“Esorcizzare i mostri è una cosa comune.”
“…”
“Quelle tre persone si sono specializzate nell’esorcizzare vampiri—si guadagneranno da vivere uccidendomi. Dovresti aver già sentito parlare di esseri che si specializzano nell’esorcizzare dei vampiri, no?”
Dovrei—
Esseri che sono allo stesso livello di altri esseri quali i vampiri.
Pensandoci bene non credo di averne mai sentito parlare—eppure se continuo a pensarci, forse invece sì.
“Quindi—dobbiamo sconfiggerli?”
“Che cavolo di discorso idiota è mai questo? Non sarebbe come cercare la morte, anche se ammetto che l’aver perso tutti i miei arti è una storia piuttosto struggente? Non mi è rimasto molto potere rigenerativo—in questa situazione, come potrei combattere?”
“Ah, quindi stanno così le cose.”
“Quindi, come dicevo…”
Kiss-shot riprese il discorso in modo molto naturale.
“Devi farmi il favore di affrontare quelle tre persone—e riportarmi i miei arti intatti.”
“Eh…?”
Senza parole.
“V-Va bene...Ma non può essere così facile, no?”
“Mmh, sembra che non mi sia spiegata bene: se vuoi tornare ad essere un umano, ho bisogno dei miei poteri alla loro massima potenza. Praticamente, devo tornare alla mia forma completa. Per questo, sono necessari i miei arti.”
“M-ma—non sono bravo in cose come…combattere.”
Non avevo fatto nulla di male, eppure avevo usato un tono uguale a quello che si usa per giustificarsi.
“Le mie abilità atletiche non sono male, ma non sono neppure chissà che cosa, il mio corpo è così come lo vedi. Non ho mai nemmeno discusso con qualcuno…e poi, già, la cosa più importante, non cercheranno di esorcizzare anche me?”
Io—in questo momento sono anch’io un vampiro.
Quella possibilità non era neppure così fantasiosa.
Perché, insomma, i miei avversari erano tre persone specializzate nell’esorcizzare vampiri—oltretutto, anche se avessero deciso di risparmiarmi perché un tempo ero un umano, gli arti di Kiss-shot, che non sono altro che il loro bottino di guerra, sarebbe impossibile farseli consegnare.
“Idiota, quelle sono cose di quando eri ancora un umano,” disse Kiss-shot stancamente.
“Tu adesso sei un mio subordinato—anche se sei al livello più basso e in uno stato pietoso ed indebolito, saresti in grado di uccidermi tranquillamente.”
“…? Praticamente, anche se sei un vampiro, sei debolissima?”
“No!”
L’avevo fatta arrabbiare.
Ma certo, è una persona che si arrabbia facilmente.
“Sei arrivato a questa conclusione solo per quello che hai appena sentito—ma lascia che ti spieghi una cosa. Tra i vampiri, io sono quella di rango più alto. Potrei essere chiamata la Stermina-anomalie.”
“Stermina-anomalie…”
Nominando questo nuovo titolo, non si degnò nemmeno di spiegarlo.
Ma poi, che cosa intende per "anomalie"?
Una specie di mostro?
Mmh, non ha importanza.
“Mmh, anche se la te indebolita di adesso non è forte tanto quanto me…e anche se tu dovresti essere più forte di me…quei tre, unendo le loro forze, sono stati in grado di strapparti gli arti nonostante fossi nella tua forma completa? Quindi—”
“Mi hanno teso un agguato quelle tre persone.  Sottovalutati—li ho completamente sottovalutati. Dei tipi di quel livello, anche se avessero unito le forze, non sarebbero comunque stati alla mia altezza.”
“Uh…”
“Praticamente…”
Lei, Kiss-shot.
In maniera incredibilmente arrogante—disse: “Finché sono uno alla volta, quelle tre persone non sono un pericolo per te. Davvero, sarà un lavoretto. Compiendo queste azioni di basso livello sarai in grado di tornare ad essere un umano facilmente.”
Non mi aveva convinto proprio per niente con quel panegirico.
Per questo—avevo deciso di fare una camminata per la città, di notte.
Ero partito poco dopo il tramonto. Finalmente ero stato in grado di lasciare quella scuola preparatoria abbandonata—quindi finalmente avevo potuto confermare la mia posizione.
Quella scuola si trovava sul confine della cittadina nella quale vivevo—ma comunque, non avevo idea che quell’area avesse degli edifici, né tantomeno una vecchia scuola preparatoria in rovina.
Probabilmente era stata dimenticata da tutti quando era stata aperta la grande scuola preparatoria di fronte alla stazione e alla fine aveva dovuto chiudere.
Kiss-shot, come ultima spiaggia, aveva trovato questo posto e ci si era nascosta con me.
Poi, decisi di chiamare casa, al più presto.
Fortunatamente, rispose la mia sorellina. La più grande delle sorelline. Il fratellone passerà le vacanze primaverili facendo un viaggio alla ricerca di se stesso, dillo a tutti, le dissi.
La sorellina più grande annuì.
…Ma, in pratica avevo lasciato credere a mia sorella di essere il tipo di fratello maggiore che, quando meno ce lo si aspetta, potrebbe partire per un viaggio alla ricerca di se stesso.
Sono davvero una persona inutile.
Poi, all’improvviso la mia sorellina più piccola mi mandò un messaggio.
Siccome vanno alle medie, nessuna di loro ha un cellulare, quindi aveva usato il computer che c’era in salotto per mandarmi il messaggio.
-Al fratellone. Qualche volta le persone si perdono, ma, quando si calmano, dovrebbero fermarsi a riflettere. Dove trovarono l’Uccelino Blu Tyltyl e Mytyl1?-
………
Ero stato sgridato dalla mia sorellina più piccola………..
Ricevere un messaggio del genere e soprattutto sprecare batterie del cellulare per questo…mi fa arrabbiare.
Comunque, dove potrei ricaricare il cellulare? Il caricabatterie è a casa ma non posso tornare là, quindi devo comprarne uno in un supermercato.
È impossibile però avere elettricità in un posto in rovina come la scuola preparatoria, perciò devo prendere il caricatore a batteria.
Se tutta questa storia potesse concludersi prima che mi si scaricasse la batteria, potrei lasciar perdere questa faccenda.
“Non riuscirò mai ad affrontarli…teoricamente non potrei affrontarli. Non potresti affrontarli nemmeno te.”
Beh ma….è facile, no?
Anche se all’inizio non ci avevo creduto molto, i miei poteri di vampiro sono reali—se però volete che li testi, probabilmente finirei interrogato o arrestato per il crimine di aver distrutto beni pubblici.
Beh.
Era in rovina fin dal principio quel luogo, quindi non sarebbe stata una gran perdita, penserete, no?
Non sono d’accordo.
“Ma—mi stai nascondendo qualcosa?”
Mi sentivo come avvolto e bloccato dalle parole di Kiss-shot.
Oltretutto—il battito del mio cuore andava sempre più veloce.
“Quindi, dove sono quei tre?”
“Non lo so.”
“Non lo sai, eh…”
“Preoccupazioni superflue sono inutili e non necessarie. Basta che cammini fuori, i nemici ti troveranno—gli avversari sono specializzati nell’esorcizzare vampiri, no? Trovare un singolo vampiro per loro è facile come alzare un dito.”
“Dici?”
“Ehm. Perdere tempo qui va bene, ma di notte, quando i poteri dei vampiri sono più attivi, dovresti andare in giro—quei tre sono come insetti attratti dalla luce, ci troverebbero sicuramente.”
“…”
“A quest’ora staranno perlustrando tutta la città, per trovarmi. Impegnati e li troverai stanotte stessa.”
Kukuku.
Kiss-shot rise in maniera insopportabile ed emise un suono strano.
Beh, non doverli cercare era veramente un sollievo…sebbene comunque loro stiano cercando un mostro, io una volta facevo parte degli esseri umani, quindi forse non mi troveranno.
Ma—sto iniziando a non badare più tanto al ritmo degli eventi. Non dovrei chiedere alcune cose prima di tutto? La faccenda dell’essere diventato un vampiro ormai è indiscutibile—
—ma per esempio…
Inconsciamente, ho pensato ad altre cose, ma la verità è che avrei dovuto chiedere: posso davvero tornare ad essere un umano?
Possiamo essere sicuri che Kiss-shot non stia mentendo?
Che non mi stia usando solo per riavere i suoi arti—non essendo soddisfatta di cibarsi di me, forse ha deciso di controllarmi a parole come se io stesso fossi i suoi arti…
No, riguardo a questo Kiss-shot è stata chiara fin dall’inizio dicendo che non è un ordine, ma uno scambio2.
Avrei potuto decidere di non aiutarla.
...Ma per non farmi pensare che tutto questo sia uno spreco di tempo—magari sta usando la scusa del farmi ritornare umano, mentendomi.
Usandomi come un’esca—quindi ha mentito.
Tirando in mezzo la faccenda del farmi tornare umano.
C’è la possibilità che Kiss-shot abbia queste intenzioni.
“…”
No.
Mi ha trasformato in un servo, quella ragazza non starebbe a inventarsi una cosa tanto complicata, perché potrebbe darmi direttamente un ordine, no?
Mmh….
No.
Ora come ora, non può praticamente usare i suoi poteri di vampira—ecco perché se non mi mente non può farmi fare quello che vuole.
Beh, non è una cosa tanto impossibile…
Dimostra dieci anni, ma in realtà non puoi trattarla come una bambina.
Ripensando a com’era quand’era nella sua forma originale, aveva uno sguardo piuttosto astuto e intelligente.
E comunque, ha vissuto per 500 anni.
Le sue capacità di ragionamento saranno sensazionali.
E poi.
Non avevo ancora chiesto niente di fondamentale.
Avevo pensato solo a cose tipo il tornare umano e avevo evitato le cose importanti—mi ero dimenticato di chiedere a Kiss-shot perché era venuta in una piccola città rurale del Giappone.
I mostri sono veramente strani per quanto riguarda queste cose.
Ma i vampiri non sono mostri europei?
E quei tre sono giunti fin qui per seguirla?
“Mmh…”
Non importa quanto ci pensi, sono solo speculazioni.
Qualsiasi cosa stia cospirando alle mie spalle Kiss-shot, io, ora come ora, non posso ancora fidarmi di lei—ma per adesso farò come vuole.
Le mie azioni sono totalmente sotto il suo controllo.
Per prima cosa, devo recuperare i suoi quattro arti—tutto il resto può attendere.
Non importa quanto tutto questo possa sembrare strano, non vedo come quei tre specialisti ammazza-vampiri possano essere una bugia.
Dando retta a quello che mi aveva detto Kiss-shot, assunsi il ruolo di esca e decisi di camminare lontano dalle strade principale—arrivai fino ad un incrocio che si divideva in tre. Fu in quel momento che—
Io.
Le capacità di elaborazione del cervello del vampiro chiamato Kiss-shot Acerola-Orion Heart-Under-Blade, sebbene avesse vissuto per 500 anni, era in realtà piuttosto lenta—ecco quello che pensai.
Finché li affronti singolarmente, quei tre non saranno un problema—aveva detto così. Era partita da quella premessa, ma che cosa glielo garantiva?
E poi, persino lei era stata sconfitta da loro tre, non aveva forse detto così?
Mi sentii sempre più come se—il cervello mi stesse esplodendo.
Ma—ormai era troppo tardi.
No, dovrei dire “giusto in tempo”.
Un secondo prima che tutto quello accadesse—fu il momento esatto in cui mi resi conto che c’era la possibilità che accadesse davvero.
Mettiti d’impegno e vedrai che tutto finirà entro stanotte—ecco cos’aveva detto Kiss-shot.
Ma, ripensandoci attentamente—è possibile sarà la mia esistenza a finire entro stanotte.
Concludendosi con la mia seconda morte.
“C-Cosa faccio?”
Per prima cosa, inizierò con la persona alla mia destra, di fronte a me.
Un gigante alto più di due metri—entrambe le mani tenevano delle lame enormi, dalla forma ondulata. Camminava verso di me.
Un’altezza del genere—avrei potuto usare i suoi jeans come sacco a pelo, la maglietta invece era probabilmente cinque volte più grande della mia.
Aveva i capelli scompigliati, indossava un cerchietto per tenersi indietro la frangia.
Quell’uomo era più un ammasso di muscoli, una faccia seria e una bocca serrata come se fosse…—teneva quelle spade ondulate alte, fissandomi.
Tutto combaciava con la descrizione che avevo sentito.
Quest’uomo è—Dramaturgie.
L’uomo che aveva rubato la gamba destra di Kiss-shot.

Dramaturgie - PV di Kizumonogatari (film)
“Mh—Mmh.”
Poi, alla mia sinistra, sempre di fronte a me.
Non si poteva certo compararlo a Dramaturgie, siccome era un uomo dalla figura longilinea. Camminava sempre verso di me—il volto emanava un’aria incredibilmente ingenua, ma il suo sguardo mi trapassava da parte a parte.
Se usassi la metafora “Potrebbe ucciderti con uno sguardo”, probabilmente sì, sarebbe azzeccata. Era tagliente.
Senpaku eyes3, uniforme scolastica bianca… Osservandolo attentamente sembrava proprio giovane—ma su una delle spalle portava una croce enorme che distruggeva impietosamente quell’immagine innocente.
Senza ghirigori o altro, una croce d’argento come quelle dei rosari, ma ingrandita di cinquanta volte; un oggetto d’argento del genere.
Era tre volte più grande di un uomo, probabilmente era anche tre volte più pesante. Una croce abnorme. Scherziamo?
Quella croce non era un oggetto sacro, ma un’arma, è piuttosto chiaro.
L’uomo, come se cercasse di trapassarmi con lo sguardo, sorrise leggermente—e portando sulla spalla quella croce gigante, camminò verso di me.
Tutto combaciava con la descrizione che avevo sentito.
Quest’uomo è—Episode.
L’uomo che aveva rubato la gamba sinistra di Kiss-shot.

Episode - PV di Kizumonogatari (film)
“C-Cosa faccio?”
Poi, dietro di me.
Non so quando, ma un uomo che indossava un abito simile a quello dei preti, che, se confrontato agli altri due, sembrava molto più onesto—si avvicinò. Aveva una pettinatura simile ad un riccio, quel tipo di pettinatura che urla “pericolo”. Devo ammettere che però mi sentii piuttosto sollevato. Non riuscivo a scorgere la minima emozione nei suoi occhi, non riuscivo nemmeno a capire se fossero chiusi o aperti, ma almeno, rispetto ai due che avevo davanti, armati di spade e una croce, lui non aveva un’arma—eppure, era quello che aveva privato Kiss-shot di più cose. Un uomo simile ad un prete, con un volto da cui non si riusciva a percepire alcuna vibrazione d’allerta—che non aveva nulla in mano, camminò disinvolto verso di me.
Tutto combaciava con la descrizione che avevo sentito.
Quest’uomo è—Guillotinecutter.
Aveva strappato il braccio destro e il braccio sinistro di Kiss-shot—era l’uomo che le aveva rubato le braccia.

Guillotinecutter - PV di Kizumonogatari (film)
“—potrei anche non fare nulla….!”
Esorcisti specializzati nell’ammazzare vampiri.
Dramaturgie, Episode, Guillotinecutter.
Quelle tre persone, usandomi come centro, si strinsero in un cerchio.
Proprio come un incrocio a tre strade.
Non c’era via di fuga—proprio come un topo in trappola.
“Ahh? Bene. È un classico.”
Il primo ad aprir bocca fu l’uomo che portava la croce gigante sulla spalla—Episode.
Proprio come il suo aspetto lasciava intuire, aveva un tono confuso.
“Non è Heart-Under-Blade, no, quindi chi è questo tizio?”
“■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■■ ■■■■■■
Ignorandomi, stretto nel mezzo, l’uomo muscoloso—
Dramaturgie, rispose alle parole di Episode.
Ma non riuscii a capire una sola parola.
Magari si era dimenticato di me…no?
“No, Dramaturgie.”
Rispose il simil-prete dietro di me—Guillotinecutter.
Parlò in tono tranquillo.
“Quando stai portando a termine una missione, devi parlare con la lingua che usano nel luogo in cui ti trovi. Almeno questo dovrebbe esserti chiaro.”
“…”
Ovviamente volevo voltarmi—ma questo significava che avrei dovuto dare la schiena a Dramaturgie e a Episode e alla fine rimasi paralizzato.
Guillotinecutter si comportò come gli altri due e, ignorandomi completamente—continuò a parlare.
“Beh, ma è esattamente come hai detto, Dramaturgie. Probabilmente…no, anzi, sicuramente questo ragazzo è un subordinato di Heart-Under-Blade.”
“Scherzi?!”
Episode lo disse—senza un minimo di felicità nella voce.
“Ma quella vampira non diceva sempre di non voler creare subordinati?”
“Ho sentito dire che ne ha creato un altro in precedenza.”
“■■■……, probabilmente l’abbiamo spinta al limite e non ha avuto altra scelta che creare un adepto in modo che agisse come suo braccio destro.”
Dramaturgie questa volta usò il giapponese per parlare.
Siccome aveva una corporatura tutta muscoli, pensavo che fosse un personaggio che si basava solo sulla forza…ma il punto è che invece era anche intelligente.
“Quindi? Cosa significa?”
Episode sorrise leggermente e disse, dondolandosi la croce sulla spalla: “Che sta nascondendo la sua presenza e che noi non possiamo fare altro che chiedere a questo bamboccio dove si trovi Heart-Under-Blade, dato che dobbiamo trovarla al più presto?”
“Sembra proprio di sì.”
Dopo aver ascoltato la spiegazione quasi urlata di Episode, Dramaturgie annuì impercettibilmente,—lo stesso fece Guillotinecutter.
“Se mi sbarazzo di questo ragazzino, poi ho il diritto di sapere solo io dove si trova Heart-Under-Blade, come ricompensa”, disse in modo sciolto.
Davvero avevo creduto che mi avrebbero lasciato andare siccome sono un ex-umano?
Dovrei almeno provare a dire la mia.
Queste persone—fin dall’inizio, mi hanno trattato come se non fossi una minaccia per loro.
Ignorandomi.
Rinnegandomi completamente  come essere vivente.
La mia stessa esistenza—per loro non era affatto un pericolo.
“Ehm.”
Guillotinecutter disse: “Detto ciò, cosa dovremmo fare? Come dice Episode, se questo ragazzo sa dove si trova Heart-Under-Blade, allora è un po’ un problema.”
“Ci penso io,” disse Episode, ridendo.
“Uccidilo al punto da non lasciare che ci siano effetti collaterali.”
“No, lo faccio io”, disse Dramaturgie.
“Sono quello più adatto a quest’incarico. Sono quello che capisce di più i vampiri.”
“Ma è la stessa cosa se lo faccio io.”
Guillotinecutter espresse tranquillamente la sua opinione.
“Sarete stanchi, voi due.”
“Non—Non siatene così sicuri!”
Io.
Avevo raccolto tutto il mio coraggio—e avevo urlato quelle parole.
Non stavo guardando nessuna delle tre persone.
Senza guardare negli occhi nessuno, avevo urlato.
“C-Cosa state dicendo!? Voi—perché così all’improvviso state dicendo cose come “esorcizzare questo qui”…sono un umano, sapete, siete pronti ad uccidere?”
“…”
“…”
“…”
Almeno avevo creato un silenzio istantaneo.
Avevano capito le mie parole?
Ma—non aveva importanza.
Le parole le avevano capite. Era il significato che non li aveva raggiunti.
Nessuno—mi rispose.
“Allora facciamo come al solito.”
All’improvviso, Dramaturgie disse così.
“Okay, il più veloce, vince,” disse Episode.
“E va bene. Competizione alla pari, d’altronde le vostre abilità sono equilibrate,” aggiunse Guillotinecutter.
Poi—questi specialisti ammazza-vampiri.
Vidi queste tre persone, quasi allo stesso istante—vidi l’esatto momento in cui iniziarono a lanciarsi contro di me che ero ancora al centro dell’incrocio. Certo, so che il campo visivo dei vampiri è eccezionale.
Vedere al buio, avere una visione completa dell’ambiente—ma.
Anche se dico che riesco a vedere tutto, cosa posso fare?
In questa situazione, alla fine che cosa posso fare, io?
“Mh…ahhhhhaahaha!”
I miei movimenti—probabilmente furono i più stupidi in una situazione del genere. Istantaneamente, mi coprii la testa con le mani—mi chiusi a riccio su me stesso e mi abbassai di colpo. Non presi nemmeno in considerazione l’ipotesi di attaccare, ma non si può nemmeno chiamare “difesa” quella, solo una posizione di fuga dalla realtà, diciamo.
No.
In realtà era ovvio che mi sarei comportato così.
Cos’avevo frainteso?
Quella era una cattiva abitudine che nessun protagonista di manga, film e giochi dovrebbe avere—
Un normale studente delle superiori come me, come potrebbe mai combattere contro un gruppo di ammazza-vampiri?
Dove mi trovo? In School Psychic Battle4?
Come potrei mai vincere!?
Che importanza ha che ora riesca a rompere muri di cemento?
Che importanza ha se ora riesco a saltare altissimo o se riesco a muovermi più veloce?
Cosa me ne faccio di questi poteri?
Il motivo per cui non ero mai stato coinvolto in una rissa era che—non c’era mai stato nessun nemico da combattere! Va da sé che non ho alcuna esperienza nei combattimenti a mani nude.
Ho già gettato la mia vita una volta.
L’ho lasciata a Kiss-shot.
Quindi—dovrei prendermi cura di questa mia nuova vita!
--------
………….!
……….,…………
Ma.
Non importava quando aspettassi—non importava da quanto stessi aspettando, gli attacchi di quei tre non mi avevano ancora colpito.
Possibile che si siano spaventati?
Possibile che si siano resi conto della mia inutilità, che quelle tre persone si siano stufate e che se ne siano andate? ——No, è impossibile.
Altro che spaventati, quelle persone mi consideravano meno di zero, ovviamente.
Mossi la testa, nascosta tra le ginocchia, e la alzai lentamente.
Poi.
“……Ha, ha.”
Sentii quella risata spensierata.
“Certo che per agitare spade, usare croci per distruggere cose e causare una confusione del genere…al centro di quest’area residenziale...dovete essere proprio pieni di energie—”
Dramaturgie riprese le due spade in mano, eppure allentò il dito indice, il medio, l’anulare e il mignolo della mano destra.
Episode recuperò la croce gigante e se la nascose dietro la gamba destra, come se niente fosse.
Guillotinecutter, con movimenti rapidi, alzò la mano sinistra e attaccò, ma fu fermato ancora prima che potesse toccar—chi è quel tipo?
Solo un vecchio di passaggio.
Poi continuò, stando su una gamba sola. “—è successo qualcosa di bello?”

Non so quanto convenga ad Araragi dare le spalle a Guillotinecutter...

{006}

Note:

(1) L'uccellino azzurro: è un anime del 1980. Per maggiori informazioni > Wikipedia. In breve, quello che intende la sorella di Araragi è: hai intrapreso un viaggio alla ricerca di te stesso, probabilmente cercando la vera felicità, ma in realtà questa è già dentro di te, devi solo fermarti un attimo e rendertene conto. Fatto sta che quella di Araragi è una balla.

(2) uno scambio: nella traduzione inglese sarebbe "minaccia" ma per me non ha senso. Forse è un errore commesso dal traduttore inglese, forse ha scambiato "threat" con "trade". (Ho come la sensazione che la novel non sia stata tradotta da un inglese che conosce il giapponese, ma il contrario, se mai.) Mi pare che si parlasse di questa fantomatica minaccia anche nel capitolo 004, perciò provvederò a cambiare la parola "minaccia" con "scambio". Perché? Perché alla fine è uno scambio quello che dovrebbe avvenire tra Kiss-Shot e Araragi: gli arti di lei per l'umanità di lui.

(3) Sanpaku eyes: (Io vi consiglio di leggere tutta questa nota, perché è importante per capire qualcosa di più della personalità contorta di Episode, ma poi fate come volete. Oltretutto è davvero molto interessante.) La parola deriva dal termine giapponese sanpakugan (“tre bianchi”). Sanpaku è un termine utilizzato nella medicina non convenzionale per indicare una particolare condizione dell’occhio. Se, ad una normale apertura oculare, la parte bianca dell’occhio è visibile al di sopra o al di sotto della parte colorata, l’iride, si dice che quella persona ha i “sanpaku eyes”. Entrambi gli occhi possono presentare questa caratteristica, ma anche solo un occhio può esserne affetto. Sebbene non ci siano prove certe, si crede che le persone con questo tipo di occhio soffrano di squilibri mentali o fisici, che in ogni caso influenzano i loro comportamenti.
Generalmente, le iridi sono situate al centro dell’occhio, con il bordo superiore e quello inferiore che toccano rispettivamente la palpebra superiore e inferiore. La sclera, cioè la parte bianca, è visibile solo ai lati dell’iride, non sopra o sotto. Quando invece è visibile alle estremità e sopra o sotto l’iride, si dice che quell'occhio ha appunto tre parti bianche.
Se l’iride si sposta verso l’alto, lasciando intravedere il bianco nella parte inferiore dell’occhio, si crea la condizione chiamata yin sanpaku. Viceversa, si chiama yang sanpaku.
Gli studiosi di medicina non convenzionale credono che una persona con l’occhio yin sanpaku sia predisposta ad avere malattie mentali o fisiche che causeranno loro una destabilizzazione della mente, del corpo e dello spirito. Questa convinzione è supportata dal fatto che molte persone che sono gravemente malate o che sono sottoposte a gravi abusi, depressione o malattie mentali, presentino la parte bianca appena sotto l’iride, tenendo l’occhio aperto normalmente. Ci sono anche testimonianze mediche: nelle persone che sono sotto stress eccessivo, sotto l’influenza di alcol o droghe, o che stanno passando un periodo di grande stanchezza mentale, il nervo ottico si contrae, spostando leggermente l’iride verso l’alto.
Il più raro caso dell’occhio yang sanpaku, si crede che sia indicativo di propensioni violente o eccentriche. Un individuo con quest’occhio è probabilmente sottoposto ad uno squilibrio emozionale e mentale molto forte che potrebbe portarlo ad avere radicali cambi di umore, scoppi d’ira, dimostrazioni gratuite di aggressività o comportamenti pericolosi.
Seppur ci siano casi che rispecchiano quanto detto finora, esistono individui che riescono a mantenere un perfetto equilibrio morale, fisico e mentale. Tra le persone di fama internazionale con lo yang senpaku, troviamo Hillary Clinton.
Con l’occhio yin senpaku, invece, Robert Pattinson, Morgan Freeman e Paul McCartney.

(4) School Psychic Battlesono sicura che siate curiosi di sapere che cosa sia. Bene, lo sono anch'io. Se qualcuno sa qualcosa, me lo dica. La cosa che potrebbe avvicinarsi di più è un film uscito nel 2012 che ho visto di recente, Nerawareta Gakuen, dal sottotitolo "Psychic School Wars", in cui una scuola di campagna viene "attaccata" da un esper proveniente dal futuro che risveglia i suoi medesimi poteri in altri studenti, creando una specie di lobby, esper vs studenti normali. O una cosa del genere. Sinceramente, credo che sia un film che andrebbe rivisto più volte per essere capito appieno. Ho letto che è stato tratto da un libro (ovviamente) scritto nel 1973 da Taku Mayumura. Quindi, sì, potrebbe essere un collegamento a questo libro/film, in cui poi uno studente normalissimo affronta l'esper (in parallelo, Araragi dovrebbe farsi forza e affrontare i vampiri). 

Ultima nota, giuro: Non l'ho detto prima, e forse avrei dovuto, ma Kiss-shot si rivolge ad Araragi con la parola "omae-sama". Omae, in giapponese significa "tu", sama è un onorifico intraducibile in inglese (e in italiano). Serve comunque a dimostrazione di grande rispetto. In inglese però è stato tradotto inizialmente con "thou" o "thee" e io l'ho tradotto con "voi". Siccome poi invece è diventato "you", anch'io ho usato il "tu", ma tenete presente che Kiss-shot si rivolgerà sempre a Koyomi con l'iniziale "omae-sama". Per questo, un paio di capitoli fa, Araragi ha detto "Che modo antiquato di parlare". BASta ho finitO, AT LAST.

3 commenti:

  1. Oshinooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina